Ricetta pasta all'uovo, tagliolini | Ricami di pastafrolla
La pasta fresca/ Le Basi

Tagliolini all’uovo

pastafresca, tagliolini, pasta all'uovo, ricette pase pasta fresca

Ho sempre dato per scontato che in tutte le case la domenica mattina all’ora della colazione ci fosse una nonna intenta a tirare una sfoglia, una volta per i tagliolini, un’altra per i maccheroni, un’altra ancora per i ravioli.

Con il passare del tempo mi sono resa conto che invece non era per tutti così e quella che io distrattamente guardavo tutte le domeniche mattine era arte!

Quell’arte genuina che si tramanda di generazione in generazione, quell’arte scritta nella ritualità dei gesti degli ingredienti degli utensili.

E quando la mia nonna tirava la sfoglia non mi sono mai chiesta che tipo legno avesse la spianatoia o il mattarello che utilizzava, e oggi scopro che il legno non era uno qualunque, ma esattamente faggio per la spianatoia e ciliegio per il mattarello.

I due legni hanno durezza e porosità diversi, e ovviamente sono i migliori per assorbire l’umidità della pasta e rilasciare quella ruvidezza necessaria per assorbire il sugo al punto giusto.

Così come la farina rigorosamente macinata a pietra perchè la grana più ruvida accoglieva meglio i sapori del condimento.

Ed oggi ogni volta che tiro la sfoglia il mio ricordo non può che andare a lei, i miei gesti recuperano i suoi nella memoria e davanti ai miei occhi ho di nuovo le sue mani nodose  e vissute che con maestria e tranquillità creavano ogni volta un nuovo capolavoro.

pastafresca, tagliolini, pasta all'uovo,

Tagliolini all'uovo
 
Prep time
Cook time
Total time
 
Ingredienti
  • 4 uova fresche
  • 400 gr di farina tipo 0
Preparazione
  1. Disponete la farina a fontana e rompete dentro le uova.
  2. Con una forchetta iniziate ad incorporare la farina alle uova e quando non ce la fate più, iniziate a lavorarla con le mani.
  3. Mettete la vostra pasta sopra la spianatoia di legno, (se non l'avete va benissimo una superficie di marmo o di acciaio) e continuate a lavorare la pasta per circa 10 minuti, fino a che non otterrete un composto liscio ed omogeneo.
  4. La pasta fresca non è una preparazione delicata, perciò non abbiate paura di fargli male e lavoratela con forza.
  5. Una volta ottenuto il panetto, ungetela con dell'olio di oliva e lasciatela riposare sopra la spianatoia per almeno 1 ora. (Maggiore sarà il tempo di riposo meglio riuscirete a tirarla).
  6. A questo punto spolverate la spianatoia con della farina e iniziate a tirare la pasta con il mattarello creando una grande luna gialla che lascerete riposare a sua volta per almeno 30 minuti.
  7. Trascorso questo tempo, quando sentite che la pasta si è asciugata arrotolate la sfoglia su se stessa e tagliatela ad una altezza di circa 2-3 mm (per i tagliolini) o più alta se invece volete preparare le tagliatelle o le pappardelle.
  8. Adagiatela sopra un vassoio cosparso con poca farina e tenetela da parte fino al momento della cottura.

 

 

 

ricette della tradizione, pasta fresca, tagliolini, mattarello,

Tagliolini all’uovo ultima modifica: 2015-01-12T06:40:05+00:00 da ricamidipastafrolla

You Might Also Like

8 Comments

  • Reply
    Taccuino di cucina
    12 gennaio 2015 at 8:20

    Cara Emanuela,
    sono passate da poco le nove del mattino ma queste tue foto non solo fanno venire una gran voglia di mettersi a impastare, ma fanno anche venire una gran voglia di mangiarli questi tagliolini! E dovrei stare un po’ a dieta… Complimenti comunque, bellissime le foto e sicuramente buonissima la pasta 🙂
    Un abbraccio
    Sandra

  • Reply
    Pattipatti
    12 gennaio 2015 at 8:47

    Manu…. anche io quando ero piccola pensavo che tutte le nonne tirassero la sfoglia e che la mia mamma ancora non lo facesse perchè non era nonna… Come dici tu, poi crescendo si capisce che il lavoro fatto sul tagliere è faticoso e richiede tanta manualità non una cosa veloce veloce…. ma la soddisfazione è tanta!!! Anche la mia nonna faceva 100gr di farina 1 uovo…. Buona settimana, buon lunedì… Un bascione forte forte!!

  • Reply
    Francesca P.
    12 gennaio 2015 at 10:33

    Manu, la pasta in casa ci ha unito, a questo giro! La prossima volta la farò anche io all’uovo, è esplosa la passione! Il tuo panetto così giallo mi fa pensare ai campi di grano estivi e ai girasoli… 🙂

  • Reply
    m4ry
    12 gennaio 2015 at 15:39

    Cambia il formato di pasta…ma anche mia nonna, tutte le domeniche, mentre io facevo colazione, era già intenta a preparare la pasta per il pranzo…orecchiette..strascinati…cavatelli…sono ricordi indelebili. Unici.
    Meraviglia i tuoi tagliolini…pieni d’amore 🙂
    Un abbraccio !

  • Reply
    Valentina
    12 gennaio 2015 at 17:20

    Tesoro, che bel post <3 Ho avuto la fortuna di condividere gran parte delle mie domeniche mattina con la nonna materna e tra tagliatelle, gnocchi e ragù era sempre una gran festa! Pensa che ho ancora il suo mattarello e guai a chi me lo tocca! 😀 Questi tagliolini sono perfetti, sei bravissima! Un abbraccio grande e felice settimana :**

  • Reply
    raffaella
    13 gennaio 2015 at 12:42

    bellissima i tuoi tagliolini! io gli stessi ricordi ma con un altro grande classico: gli gnocchi! rigorosamente senza uova e le erbe tritate con la mezzaluna su un tagliere che non riesco più a trovare…
    ricette e gesti che ti riempiono il cuore, vero Emanuela?
    un abbraccio
    raffaella

  • Reply
    alessia mirabella
    14 gennaio 2015 at 20:42

    Bellissimo post… brava che sei.. le tue foto sono bellissime.. complimenti davvero!

  • Reply
    ConUnPocoDiZucchero Elena
    15 gennaio 2015 at 9:21

    Ciao carissima, che bei ricordi introducono la tua ricetta. io non ho mai avuto una nonna che tirava la sfoglia e faceva la pasta fresca, ma spesso la domenica mattina mi trovavo intenta a desiderarlo! E alla fine mi osno fatta nonna io stessa 🙂
    tu ricordi lei nei tuoi gesti delicati e autentici. E i tuoi tagliolini avranno certamente un valore aggiunto in bontà!

  • Leave a Reply

    Rate this recipe:  

    Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.