Dolce/ Dolci

Cenci di carnevale

cenci di carnevale, stracci, chiacchiere,dolci carnevale, ricami di pastafrolla

Ci siamo, anche quest’anno puntuale come sempre stà arrivando il martedì grasso.

Avevo deciso che non volevo friggere e invece…con la scusa della festa di carnevale alla scuola materna, ho deciso che era arrivato il momento di tirare fuori l’armamentario della frittura. Perciò, padella in ferro, schiumarola e tanta pazienza hanno allietato la mia domenica pomeriggio.

Sono riuscita  a tenere fuori i bambini dalla cucina per un pò, ma l’ultimo pezzo di pasta la padella non l’ha mai toccata…povera pasta per i cenci, seviziata da due futuri piccoli chef!!!

Così mentre io friggevo loro lavoravano la pasta con il mattarello, non vi dico gli sbuffi di farina…alla fine della serata si erano perfino creati addosso il vestito da fantasmini e nella mia dispensa la farina era magicamente sparita.

Insomma pur rimanendo in casa abbiamo comunque carnevalato!

 

Ingredienti:

400 gr di farina 00

3 cucchiai di zucchero

30 gr di burro

2 uova

1/2 bicchiere di vin santo

la scorza di una arancia

succo q.b.

1 pizzico di sale marino integrale

1/2 bustina di lievito per dolci

1 l olio di semi di arachidi per friggere

zucchero a velo

 

Preparazione:

Mettete insieme in una ciotola tutti gli ingredienti solidi, farina zucchero sale, aggiungete poi le uova, il burro sciolto, il vin santo, un pò di succo e per ultimo il lievito sciolto in un cucchiaio di latte.

Impastate fino a formare un panetto lavorabile con le mani e liscio. Lasciar riposare circa 30 minuti coperto da un canovaccio. Stendete la pasta con il mattarello il più sottile che potete, io ho utilizzato la macchina per la pasta fresca. Tagliate la pasta a loscahe oppute tagliate secondo la forma che più desiderate.

In una padella di terro o quella antiaderente scaldate l’olio fino a portatrlo a temperatura ( circa 170°)  e iniziate a friggere gli stracci. Il tempo di cottura sarà molto breve e prenderanno colore velocemente, quindi state molto attenti a non bruciarli. Se si dovessero scurire troppo abbassate un po la fiamma.

Una volta scolati adagiatelo sopra della carta assorbente da cucina e cospargeteli con lo zucchero a velo o se preferite un sapore più rustico va benissimo anche quello semolato.

 

 

 

You Might Also Like

16 Comments

  • Reply
    susanna
    11 febbraio 2013 at 8:35

    quanto mi piacciono i bambini che pasticciano in cucina, mi ricordano un po’ io e mia sorella quando mia nonna armamentava nella nostra cucina e noi pretendevamo di aiutarla…..
    belli i tuoi cenci, hanno un’aspetto ottimo e sembrano poco unti, complimenti.

  • Reply
    Babe
    11 febbraio 2013 at 9:55

    Già me li immagino i due bimbi alle prese con queste meraviglie!!!
    A casa mia si facevano sempre le frittelle ed io e mia sorella ne facevamo scorpacciate incredibili!!! 😀

  • Reply
    Giovanni, Peccato di Gola
    11 febbraio 2013 at 10:22

    :)) evviva i piccoli chef! scommetto che è anche merito loro se ti sono venute così belle 🙂 buona settimana cara :-*

  • Reply
    simona
    11 febbraio 2013 at 12:03

    Buonissimi i cenci! da noi si chiamano Chiacchiere.. più o meno la preparazione è la stessa.. ogni tanto uno strappo alla regola con il fritto è doveroso.. ammettiamolo sono davvero squisiti! i tuoi hanno un aspetto molto invitante e goloso:) complimenti manu:* ti abbraccio e ti auguro una splendida settimana:**

  • Reply
    Le Ricette di Tina
    11 febbraio 2013 at 15:01

    Ciao cara anche i miei bimbi quando vedono impasti da lavorare si fiondano ahahahah almeno stanno tranquilli e non litigano..meravigliose complimenti!Ciaoo buon carnevale

  • Reply
    Maddy
    11 febbraio 2013 at 15:11

    Brava Manu, spero tanto tu porti queste delizie alla festa della scuola, non vedo l’ora di assaggiarli!

  • Reply
    i pasticci di caty
    11 febbraio 2013 at 16:52

    🙂 Fantastiche!!! Io non ho piccolini 🙂 ma una sorella pasticciona 🙂

  • Reply
    Elena
    11 febbraio 2013 at 17:43

    Ecco un altro termine che non mi veniva…cenci….si chiamano veramente in mille modi…sono buonissimeeee!!!

  • Reply
    Valentina
    11 febbraio 2013 at 20:31

    Ciao Manu 🙂 Ti sono venute benissimo, complimenti 🙂 Io non ho fritto proprio quest’anno, tempo zero… ma mangiato si, però! Eeheheheh 😉 Bacione, buona serata! :*

  • Reply
    Elisabetta Pendola
    12 febbraio 2013 at 9:42

    che gola i cenci!!!!!

  • Reply
    Semplicemente Cucinando
    12 febbraio 2013 at 15:24

    Io non ho fritto quest’anno ed oggi sarebbe stato l’ultimo giorno utile, ma se mai mi fossi lanciata nella preparazioni di questi bellissimi cenci sarebbe stato un fallimento sicuro. Ne ruberei davvero uno

  • Reply
    Ely
    12 febbraio 2013 at 20:49

    Ma che teneri i tuoi due piccoli chef! 😀 E chissà che buoni questi cenci! Complimenti stella, grazie della visita! E’ un piacere conoscerti e verrò a trovarti molto spesso: sei straordinaria! 🙂 Smuuacck!

  • Reply
    Sweetlife
    13 febbraio 2013 at 10:01

    Credo che tu abbia passato una bellissima domenica casalinga con i tuoi figli chef!!! Viva anche la frittura!

  • Reply
    Le Ricette di Tina
    13 febbraio 2013 at 17:59

    Ciaoo bellezza buona serata un bacionee

  • Reply
    Elena
    18 febbraio 2014 at 18:50

    Adoro i cenci o come le chiamiamo noi…le chiacchiere…anche a me sta venendo uma gran voglia di friggereeee!!!!

  • Reply
    Roberta Morasco
    19 febbraio 2014 at 20:03

    Che brava!! Io due giorni fa li ho fatti ma non fritti, li ho messi in forno!!!! E mi piace troppo comeIli chiamate voi! Qui sono ‘i galani’!! Bacioni!!!

  • Leave a Reply